fbpx
 

Residenza a San Marino

La residenza a San Marino: come ottenerla e quali vantaggi attribuisce

Tra le novità introdotte dal Decreto 29-09-2017 n°115 un notevole snellimento delle procedure finalizzate all’acquisto della residenza e soggiorno: residenza facilitata per motivi economici.

 

La legge 71/2013 aveva stabilito per i progetti imprenditoriali atti alla realizzazione di uno o più investimenti nel territorio della Repubblica di San Marino finalizzati ad avviare una nuova attività economica nonché a rilevarne una esistente per rilanciarne le potenzialità, inerenti lo sviluppo in determinati settori, l’accesso al regime semplificato per l’ottenimento della residenza.

Il Decreto 115 snellisce ulteriormente questo regime semplificato.

La qualità di residente nella Repubblica di San Marino permette di pagare le tasse solo in territorio: in caso di costituzione di società e relativa partecipazione al capitale sociale, una volta pagato il 17% o in caso di agevolazioni, l’ 8,5% di tasse, nonché il 5% di ritenute sui dividendi effettivamente distribuiti, non sono dovuti altri oneri o tributi.

Diverse le modalità previste dal legislatore per l’ottenimento della residenza.

Queste le tre principali:

    • Residenza per motivi economici
      l’investitore che viene a San Marino e sottoscrive il 51% del capitale sociale di una società di diritto sammarinese può chiedere la residenza per motivi economici. In primis l’investitore è tenuto ad assumere da 1 a 3 dipendenti a seconda del tipo di attività svolta. Vi sono infatti settori di attività ritenuti strategici per lo sviluppo della Repubblica, in relazione ai quali e in un’ottica di incentivazione degli stessi, è previsto un impegno occupazionale più basso a carico dell’imprenditore: una sola persona assunta dalla lista di collocamento in luogo dei tre richiesti nel caso in cui l’attività rientri in diversa categoria. E’ inoltre previsto il versamento di un deposito a garanzia degli impegni assunti di euro75.000,00 aumentato a euro 150.000,00 dal secondo anno. Dopo il terzo anno può essere convertito in acquisto immobiliare di pari valore sul quale sarà iscritta una garanzia a favore dello Stato per il rispetto degli impegni assunti dall’investitore.
    • Residenza ordinaria
      È concessa da una commissione politica: la Commissione esteri.La domanda deve essere collegata allo svolgimento di un’attività economica a San Marino e comporta la presentazione di un business plan. Il soggetto investitore si deve impegnare a investire 2-300.000 euro per l’acquisto di un immobile, nonché ad assumere 2-4 dipendenti, secondo una tempistica scandita dallo stesso business plan. Ottenuta l’autorizzazione il soggetto si potrà iscrivere nella popolazione residente e successivamente potrà richiedere il ricongiungimento familiare.
    • Residenza elettiva
      In questo caso è necessario effettuare un investimento immobiliare di euro 500.000,00 ovvero  350.000,00 con presentazione di un progetto di ristrutturazione del costo di almeno 150.000,00. In alternativa all’acquisto immobiliare l’interessato può depositare presso un Istituto bancario sammarinese una somma di euro 600.000,00 da destinare all’acquisto di titoli di Stato di San Marino.

    La Carlo Biagioli srl garantisce un servizio “chiavi in mano” per l’espletamento di tutte le pratiche burocratiche e amministrative necessarie all’avvio di una nuova attività economica in Repubblica di San Marino.